Lecithinase Test – Obiettivi, in linea di Principio, il Procedimento e Risultati

Biologia Video Educativi

Ultimo Aggiornamento il 4 febbraio 2021 da Sagar Aryal

Obiettivo di Lecithinase Test

L’obiettivo è quello di determinare la capacità dei microrganismi per produrre l’enzima lecithinase e per identificare i batteri che sono in grado di produrre lecithinase enzima.

Principio della prova della lecitina

Le lecitinasi o fosfolipasi sono enzimi rilasciati da batteri che hanno la capacità di distruggere i tessuti animali e svolgono un ruolo nella patogenicità. La lecitinasi, che è anche chiamata fosfolipasi C, è un tale enzima che divide la lecitina fosfolipidica. I complessi fosfolipidici sono solitamente agenti emulsionanti che si verificano nei tessuti, nel siero e nel tuorlo d’uovo. La lecitina è un componente normale del tuorlo d’uovo. L’attività della lecitina viene utilizzata per caratterizzare diversi batteri gram positivi e gram negativi. Le lecitinasi batteriche scompongono questa lecitina in digliceridi insolubili con conseguente alone opaco, che circonda la colonia quando viene coltivata sul mezzo di agar tuorlo d’uovo.

L’agar del tuorlo d’uovo è un mezzo differenziale e arricchito utilizzato nell’isolamento e nella differenziazione presuntiva di diverse specie in base alla produzione di lecitinasi e lipasi e all’attività proteolitica. Nell’agar del tuorlo d’uovo, la componente lipoproteica Lecitovitellina può anche essere divisa dalla lecitinasi in fosforilcolina e un digliceride insolubile, che provoca la formazione di un precipitato nel mezzo. Questo precipitato si presenta come un alone bianco, che circonda la colonia che produce l’enzima lecitinasi. L’opalescenza creata è dovuta al rilascio di grasso libero.

Nota:

Bacillus cereus, produttore di spore aerobiche è un forte organismo positivo alla lecitinasi, può essere identificato utilizzando piastre di agar mannitolo-tuorlo d’uovo-polimixina (MYP). B. cereus è tipicamente mannitolo-negativo, produce colonie rosa-rosse in MYP agar con una zona di precipitato intorno alle colonie, indicando attività lecitinasi-positiva. Per l’identificazione di Clostridium perfringens e differenziandolo da altre specie di Clostridi, viene utilizzato l’agar del tuorlo d’uovo. È un mezzo arricchito, non selettivo e differenziale ed inoltre è utilizzato nella prova di Nagler per l’identificazione presuntiva di Clostridium perfringens. È imballato in stato privo di ossigeno e ridotto al fine di prevenire la formazione di sottoprodotti ossidati tossici che danneggeranno gli anaerobi obbligati e inibiranno la crescita di specie più esigenti. Un test positivo della lecitina è caratterizzato dall’aspetto di una zona bianca, opaca e diffusa che si estende nel mezzo che circonda le colonie.

Media Lecithinase Test

tuorlo d’Uovo agar

Pancreatico di Caseina 15.0 gm
la Vitamina K 1 10.0 gm
il Cloruro di Sodio 5.0 gm
Papaic Digest di farina di Soia 5.0 gm
Estratto di Lievito 5.0gm
L-Cistina 0.4 gm
Emina 5.0 mg
Tuorlo d’Uovo Emulsione 100.0 ml
Agar 20.0 gm

Finale di pH 7.0 +/- 0.3 a 25ºC.

Procedura del test della lecitina

  1. Prendere un loopful di organismo di prova e striscia come una linea retta sul piatto.
  2. Incubare anaerobicamente in un barattolo di gas pak immediatamente dopo la striatura e trasferire nell’incubatore mantenuto a 35-37o C per 24-48 ore per gli anaerobi e per gli aerobi incubare la piastra a 35-37o C per 24-48 ore.
  3. Esaminare la piastra per l’alone opalescente che circonda gli inoculi.

Interpretazione dei risultati del test della lecitina

Interpretazione del risultato del test della lecitinasi

Test positivo della lecitinasi: aspetto di una zona bianca, opaca e diffusa che si estende nel mezzo che circonda le colonie.

Test negativo della lecitina: assenza di una zona bianca opaca che si estende dal bordo della colonia.

Limitazioni del test della lecitina

  • Il mantenimento della condizione anaerobica è obbligatorio.
  • Un test negativo della lecitinasi deve essere confrontato con una piastra di controllo non inoculata, poiché la lecitinasi può diffondersi su tutta la piastra di agar e rendere difficile l’interpretazione.
  • l’antitossina perfringenstype A non è specifica per C. perfringens ; una reazione positiva di Nagler può essere prodotta anche da C. bifermentans , C. sordelli e C. baratti if heavy inoculum are used.

Quality Control of Lecithinase Test

Clostridium perfringens, ATCC13124: lecithinase positive

Clostridium sporogenes, ATCC11437: lecithinase negative

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.