La copertura di KPCC è una risorsa della California meridionale fornita dalla radio pubblica supportata dai membri. Non possiamo farlo senza di te.

Nota del redattore: Il video delle sanguisughe utilizzate in chirurgia è un po ‘ sanguinoso, specialmente dopo il segno di 2 minuti.

Le sanguisughe ottengono un brutto rap – ma potrebbero non meritarlo.

Sì, sono raccapriccianti succhiasangue striscianti. E possono infondere un senso quasi primordiale di disgusto e repulsione. Il personaggio di Humphrey Bogart nel film del 1951 The African Queen arrivò addirittura a chiamarli ” piccoli diavoli sporchi.”

Ma l’umile sanguisuga sta facendo un ritorno. Questa creatura sta sempre più giocando un ruolo chiave come spalla per scienziati e medici, semplicemente essendo il suo sé assetato di sangue.

YouTube

Lontani cugini del lombrico, la maggior parte delle specie di sanguisughe sono parassiti che si nutrono del sangue di animali e umani. Si trovano spesso in acqua dolce e navigano nuotando o spingendosi lungo, usando due ventose — una a ciascuna estremità del loro corpo — per ancorarsi. La maggior parte delle specie vanno da circa un quarto di pollice a tre pollici di lunghezza.

Al raggiungimento di un ospite ignaro, una sanguisuga si attaccherà surrettiziamente e inizierà a nutrirsi. Utilizza un insieme triangolare di tre denti per tagliare e secerne una serie di sostanze chimiche per fluidificare il sangue e intorpidire la pelle in modo che la sua presenza non venga rilevata.

Alcune specie di sanguisughe possono anche vivere sulla terra, prosperando in ambienti umidi come le foreste dell’Asia meridionale. I biologi hanno recentemente riferito che le sanguisughe in quella regione possono fornire una preziosa istantanea di quali animali sono presenti in una particolare area: i parassiti portano il sangue e il DNA del loro ospite all’interno del loro intestino dopo ogni pasto.

 Le sanguisughe si attaccano al loro ospite con la ventosa anteriore, quindi usano tre denti per tagliare e iniziare a nutrirsi.
Le sanguisughe si attaccano al loro ospite con la ventosa anteriore, quindi usano tre denti per tagliare e iniziare a nutrirsi. Il nostro sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la tua esperienza di navigazione.

” Trovano cose che non trovi”, ha detto Michael Tessler, uno studioso post-dottorato presso l’American Museum of Natural History di New York. Come bonus aggiuntivo (a seconda della tua prospettiva), le sanguisughe sono anche attratte dagli umani come potenziali pasti di sangue, ha detto. Pertanto, le creature non si allontanano dai ricercatori, rendendo la raccolta dei campioni semplice e veloce.

Tessler e diversi colleghi hanno raccolto 750 sanguisughe terrestri nel genere Haemadipsa dalla Cambogia, dal Bangladesh e dalla Cina meridionale. Poi, hanno analizzato il DNA da ogni pasto di sanguisuga pollice-lungo per identificare i donatori di sangue inconsapevoli. Con questa analisi, gli scienziati sono stati in grado di identificare gli animali selvatici e domestici comuni in quelle aree, tra cui alcune specie di preoccupazione per la conservazione.

Lo studio ha anche rivelato alcune sorprese. Alcuni pasti sanguisuga erano venuti da alcune specie di uccelli, e uno è venuto da un pipistrello. “Chiaramente queste cose vanno in giro”, ha detto Tessler.

Oltre alla loro utilità in biologia sul campo, le sanguisughe hanno un ruolo importante da svolgere nel kit medico di un chirurgo.

L’associazione tra medici e sanguisughe risale agli antichi Egizi e agli antichi Greci. Secondo i filosofi greci, la malattia era il risultato di uno squilibrio nei fluidi corporei, o umori. Credevano che l’applicazione di sanguisughe ai pazienti avrebbe aiutato a ripristinare un corretto equilibrio. Le sanguisughe erano ampiamente utilizzate come cura per una serie di disturbi, specialmente nell’Europa medievale.

Queste pratiche sono state relegate allo status di ciarlataneria dall’avvento della medicina moderna nel 20 ° secolo mentre i medici sviluppavano nuovi trattamenti più efficaci. Al giorno d’oggi, tuttavia, le sanguisughe mediche stanno vivendo una rinascita poiché la loro capacità di succhiasangue è sintonizzata su uno scopo più scientifico.

Le sanguisughe sono utili durante interventi chirurgici ricostruttivi, come quelli per riattaccare le dita, secondo il Dr. Rudolf Buntic, un chirurgo della mano e direttore di microchirurgia per il California Pacific Medical Center di San Francisco. Durante tale procedura, i chirurghi riparano piccole arterie che trasportano il sangue nella cifra recisa. Tuttavia, le piccole vene che trasportano il sangue possono essere troppo danneggiate o troppo piccole per essere riparate, lasciando il sangue a ristagnare nel dito.

Ecco quando entra in gioco Hirudo medicinalis.

“La sanguisuga agisce come una vena”, ha detto Buntic.

Estrae sangue stantio dal dito riattaccato mentre si nutre, permettendo al sangue fresco e ossigenato di entrare. Le sostanze chimiche nella saliva della sanguisuga aiutano anche a prevenire la formazione di coaguli di sangue nel tessuto danneggiato. I medici applicano sanguisughe fresche nel corso di circa dieci giorni. Questo fornisce abbastanza tempo per nuove, piccole vene di ricrescere e creare canali per il sangue di lasciare il dito del paziente da solo, Buntic ha detto.

Durante il trattamento, i chirurghi ordinano le sanguisughe dalla farmacia, proprio come farebbero con qualsiasi altra medicina.

Se questi piccoli ragazzi ti danno ancora gli heebie-jeebies, non preoccuparti: probabilmente non si presenteranno al tuo drugstore locale in qualunque momento presto, dato che sono utilizzati principalmente negli ospedali.

 Quando i chirurghi richiedono sanguisughe mediche, i farmacisti del California Pacific Medical Center rispondono alla chiamata, litigando le sanguisughe in
Quando i chirurghi richiedono sanguisughe mediche, i farmacisti del California Pacific Medical Center rispondono alla chiamata, litigando le sanguisughe in bottiglie di “pillola”. Josh Cassidy / KQED

Potresti incontrarli in alcuni laboratori di ricerca, tuttavia. David Weisblat, biologo presso l’Università della California, Berkeley, ha studiato lo sviluppo e l’evoluzione delle sanguisughe per più di 40 anni. Ha recentemente avviato un progetto per saperne di più sul comportamento delle sanguisughe e sulla neurobiologia.

Si tratta di posizionare le sanguisughe su una sorta di scacchiera, fatta di carta vetrata. I quadrati si alternano tra grani ruvidi e lisci. Molte delle sanguisughe, piccoli cacciatori di lumache del genere Helobdella, hanno una forte preferenza per i quadrati più lisci, muovendosi in schemi rigorosamente diagonali.

“È come una piccola pedina sulla scacchiera che è impazzita”, ha detto Weisblat.

Sebbene le sanguisughe possano avere un sistema nervoso insignificante per gli standard dei vertebrati, sono ancora in grado di utilizzare le informazioni dal loro ambiente per prendere decisioni, ha detto Weisblat. E capire come funziona questo processo è più facile in una sanguisuga che nel sistema nervoso di topi o ratti. Nel capire come le sanguisughe trovano il loro modo di aggirare con così pochi neuroni, possiamo cominciare a capire come il sistema nervoso elabora e codifica le informazioni, ha detto Weisblat.

Catturare il modo in cui le sanguisughe percepiscono e si muovono attraverso il loro ambiente potrebbe anche un giorno tradursi in applicazioni di bioingegneria, come la progettazione di piccole robotica esplorativa, ha affermato Weisblat. “Le sanguisughe possono andare su superfici di vetro, strisciare con le loro ventose ed esplorare tutti i tipi di modi diversi”, ha detto.

“È piuttosto sorprendente, quando pensi a quanto siano semplici.”

Emma Hiolski è una giornalista scientifica freelance e stagista con la serie di video Deep Look di KQED. Il suo lavoro è apparso su Science, Chemical & Engineering News e San Jose Mercury News. La potete trovare su Twitter @EHiolski.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.